La prima fashion week della maison italiana trasmessa in live-streaming su Weibo è stato un vero successo. Gucci ha infatti catturato circa 16 milioni di spettatori nel giorno del suo lancio del “Gucci spring show 2020”.
Secondo i dati rilasciati da Weibo, oltre ai 16 milioni di netizen che hanno assistito in diretta la sfilata, lo show in streaming è stato condiviso da 22 milioni di persone con commenti live di circa 179.000 spettatori e oltre 420.000 like. Insomma, un successo su tutta la linea che sottolinea ancora una volta la potenza di Weibo come piattaforma per il proprio business.
Il live-streaming su Weibo, è tuttavia la punta dell’iceberg di una serie di progetti che Gucci sta portando avanti nel mercato cinese. Dopo l’inaugurazione il 16 settembre scorso di un negozio nel lussuoso centro commerciale Plaza 66 a Shanghai, la casa di moda italiana aprirà un nuovo concept store speciale presso il Shin Kong Place a Pechino il 6 novembre prossimo. Sempre a novembre, fonti di Gucci hanno fatto sapere che la maison lancerà una nuova linea makeup esclusivamente per il mercato cinese.
Tuttavia, anche la corsa digitale di Gucci non sembra arrestarsi nel Dragone. Secondo Tribe Dynamics, ad agosto, Gucci si è classificata al primo posto tra i primi 10 marchi di moda, registrando oltre 26,7 milioni di dollari in “earned media value”. Un aumento del 2% rispetto al mese precedente. Gucci ha surclassato addirittura Chanel la quale ha  registrato oltre $ 23,5 milioni in “earned media value”, con una diminuzione del 7%. Dior si è classificato al terzo posto, per un totale di $ 21,8 milioni, in calo del 7%, seguito da Louis Vuitton, per un totale di $ 18 milioni di euro, con un calo del 17%. Saint Laurent, d’altra parte, è cresciuto del 4 percento, raggiungendo $ 11,3 milioni.