Nella giornata di mercoledì scorso la piattaforma e-commerce con sede a Shanghai ha lanciato la sua prima sessione livestreaming. Già ad aprile di quest’anno Pinduoduo aveva rilasciato una dichiarazione nella quale annunciava la volontà di aprire un proprio canale livestreaming. Tuttavia il progetto ha avuto una significativa accelerazione anche a causa dei risultati poco soddisfacenti registrati nel terzo trimestre del 2019.
Perché la notizia del primo live-streaming di Pinduoduo deve essere segnata? Per prima cosa, Pinduoduo ha deciso senza mezze misure di sfidare apertamente Alibaba. Il colosso fondato da Jack Ma non solo guida il settore del livestreaming in Cina, ma gli oltre 4000 livestream hosts hanno permesso ad Alibaba di guadagnare 14 miliardi di dollari solo nel 2018. Un aumento del 400% se paragonato all’anno precedente. 
Oltre ad Alibaba, piattaforme e-commerce come Xiaohongshu e short-video app come Douyin e Kuaishou stanno cercando di far convergere livestreaming ed e-commerce. Per ora il debutto di Pinduoduo è stato più che positivo. Tra le sessioni più cliccate vi è stata quella di Sun Jing, una kol che con lo pseudonimo di “Xiaoxiaobao Mama”, è riuscita a coinvolgere più di 50.000 acquirenti durante il picco delle visualizzazioni. Sun, esperta certificata dalla stessa rivista Forbes, ha introdotto 16 nuovi prodotti durante la sessione che vanno dai cosmetici ai prodotti sanitari.
Come funzionerà quindi le sessioni live-streaming su Pinduoduo? La piattaforma di base a Shanghai ha deciso, almeno per il momento, di seguire la sua stessa strategia degli acquisti di gruppo su WeChat. Prima della sessione live, gli utenti potranno prenotarsi in anticipo ad assistere e solo chi avrà preso un appuntamento per il livestream potrà invitare i loro amici a unirsi condividendo un link o creando un poster per promuovere la sessione su “WeChat Moments”. Così facendo, gli utenti e gli amici che si uniranno alla sessione potranno ricevere uno sconto del 50% sui prodotti presentati.