CONTENT MARKETING SU TMALL, TUTTO CIÒ CHE BISOGNA SAPERE

Tmall Uniqlo Main

Oramai Tmall è una realtà di cui si parla anche alle nostre latitudini. Ogni anno il grande portale di proprietà di Alibaba surclassa record su record. Ma nello specifico, cosa è Tmall? Come ha fatto a diventare la prima app e-commerce in Cina? 

 

I numeri di Tmall

Tmall è uno store online B2C nato nel 2008. Con oltre il 60% del mercato e oltre 750 milioni di utenti attivi mensili, siede sul podio delle app e-commerce del Dragone. 

In un certo senso possiamo dire che Tmall sia un portale “generalista” che offre ai consumatori una amplissima gamma di prodotti. I brand e i rivenditori autorizzati a vendere tramite i suoi canali, sono presenti su Tmall attraverso la creazione di un vero e proprio Flagship Store graficamente personalizzabile. 

 

Tmall and Taobao social media and influencers
Crescono i canali di Taobao sui social media in chiave content marketing.

 

Una caratteristica che permette la promozione della brand identity dei differenti marchi. Non solo, il Flagship Store su Tmall può essere monomarca, autorizzato o multimarca. Tuttavia per aprire questi flagship store è necessario seguire una procedura la quale potrebbe può richiedere diversi mesi. Motivo per cui è sempre meglio informarsi e appoggiarsi a degli specialisti in materia.

 

>>> LEGGI ANCHE: REALTÀ E FINZIONE DIGITALE: DUE MONDI OPPOSTI INSIEME PER IL LIVE STREAMING

 

1. Taobao Live, il futuro dell’e-commerce

Come unire traffico su Tmall e content marketing? La risposta è il canale livestreaming di Alibaba: Taobao Live. Questa piattaforma ha assistito ad un vero e proprio decollo nel 2019, ma nei primi mesi del 2020 l’intero settore del livestreaming ha assunto un’importanza strategica assai rilevante per la sopravvivenza dei singoli brand nel mercato cinese. Ad oggi non vi è marchio, inclusi quelli di lusso, che non utilizzi i canali live commerce di Alibaba. 

 

Durante il lockdown, il livestreaming è decollato in Cina.

 

Collegare commercio elettronico ed intrattenimento? Taobao Live è stato tra le prime realtà a crederci ed investire fortemente. Non deve meravigliare se è proprio il paese più connesso al mondo ad aver fatto da apripista in un settore, quello del livestreaming a fini commerciali, che è in continua evoluzione. Durante il live streaming gli utenti sono spinti ad acquistare attraverso il click su icone pop-up dei prodotti presentati, ragione per cui in Cina il livestreaming  è un’opzione “go-to” per i consumatori cinesi quando cercano nuovi prodotti e decidono cosa acquistare.

Non solo, queste integrano intrattenimento e shopping online. Al giorno d’oggi è diventata una parte essenziale del brand awareness da parte del consumatore medio della Repubblica Popolare, ed è una realtà cui i marchi occidentali devono, presto o tardi, rapportarsi.

 

>>> LEGGI ANCHE: LE TOP 5 PIATTAFORME E-COMMERCE IN CINA NEL 2020

 

2. Product Recommendation Section

La “Product recommendation section”, meglio conosciuta come “Good Goods”, è una sezione presente all’interno della homepage di Tmall e Taobao che raccoglie articoli condivisi dai diversi Key Opinion Leaders. Nello specifico si tratta di contenuti sponsorizzati dai brand, all’interno dei quali vengono inserite immagini e descrizioni dei prodotti.

 

What is Tmall & Taobao Influencer Marketing?
Il marketing sulle piattaforme di Alibaba? Meglio affidarsi agli esperti.

 

Infine non può mancare anche qui il link diretto alla product page. C’è però una particolarità: possono essere proposti solo prodotti limited edition, nati da speciali collaborazioni o parti di capsule collection particolari. Devono, insomma, essere prodotti unici e non sempre disponibili sul mercato.

 

>>> LEGGI ANCHE: FRESH FOOD IN CINA? 4 TENDENZE DA TENERE A MENTE

 

3. Taobao Toutiao

Anche in questo caso si parla di recensioni costruite sulla falsariga della ben più nota app Toutiao, uno dei principali aggregatori di notizie della Repubblica Popolare, nonché strumento assai utilizzato in chiave marketing, grazie anche agli oltre 200 milioni di utenti giornalieri.

 

 

Al suo interno gli articoli sono suddivisi per categoria merceologica. Anche qui, però, ci sono delle regole imposte dalla piattaforma che vanno rispettate. Infatti, a differenza di Good Goods, su Taobao Toutiao non possono pubblicare tutti i KOL, ma solo quelli di “alta categoria”, dunque molto famosi. Gli articoli non devono contenere meno di 300 caratteri e 3 immagini. Inoltre devono riguardare argomenti relativi al lifestyle o a un trending topic del momento.

 

>>> LEGGI ANCHE: E-COMMERCE TREND: CRESCE IL MERCATO DEL MAKEUP MASCHILE IN CINA

 

4. Weitao

A differenza di Good Goods e Taobao Toutiao, Weitao è una sezione di newsletter propria del Flagship Store. Questo significa che è gestita direttamente dallo Store Operator. Weitao è dunque un canale ufficiale del brand stesso per fare content marketing e stimolare, quindi, la curiosità riguardo ai prodotti online. I contenuti, creati ad hoc anche per produrre brand awareness, sono costituiti da una parte grafica, una parte testuale e i classici link ai prodotti.

 

 

Visita il nostro sito e seguici sui social per rimanere sempre aggiornato. 
Contattaci per scoprire la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING più adatta al tuo business: info@oborgroup.net

Lascia un commento