LUXURY E-COMMERCE: SECOO, VENDITE PER OLTRE $ 14 MLN IN 5 ORE

ecomere2 scaled

E-commerce e brand di lusso, una collaborazione sempre più stretta e vincente per tutti i player in Cina.

Il 7 giugno, all’indomani dell’inaugurazione del “616 Shopping Festival” della short video app Kuaishou, Secoo, uno dei principali e-tailer cinesi del lusso, ha lanciato un canale livestream di 24 ore sul suo nuovo account di Kuaishou. Risultato? Secoo ha venduto oltre 14,8 milioni di dollari in beni di lusso come Louis Vuitton, Armani e Gucci nelle prime cinque ore.

 

Nell’ottobre 2018, Secoo ha collaborato con Chen Man, uno dei fotografi cinesi più famosi al mondo per lanciare una new brand campaign aziendale incentrata sul gusto e anima cinese della piattaforma.

 

Lo scoppio della pandemia ha fortemente intaccato il settore del lusso, ma il mercato dei prodotti di alta fascia ha ritrovato il medesimo vigore pre-Covid grazie soprattutto al mondo del commercio online. E la ripresa del settore sta partendo dal Dragone. Secondo le stime di McKinsey, la spesa cinese per il lusso raddoppierà a circa 170 miliardi di dollari entro il 2025, garantendo il 65% della crescita del mercato a livello globale.

 

>>> LEGGI ANCHE: LUXURY SOHO, IL PRIMO OUTLET DEL LUSSO DI TMALL

 

Bulgari: “Gli store fisici sono fondamentali, ma l’e-commerce è un player sempre più importante”

A testimoniare la ripresa dei consumi in Cina è Bulgari, uno dei big name della filiera produttiva del lusso. Il brand italiano, durante il picco pandemico registrato nei primi mesi dell’anno, è stato costretto a chiudere oltre il 50% dei negozi nel paese. Ma ora la sua ripresa parte proprio dalla Cina.

Jean-Christophe Babin, CEO di Bulgari ha dichiarato a China Daily: “Bulgari ha registrato una forte ripresa già da metà marzo, sottolineando la forza e la resilienza del mercato cinese, nonché il riconoscimento nella domanda dei consumatori cinesi di prodotti di lusso con una lunga storia nel DNA ed un artigianato raffinato”.

 

Bulgari lancia la mostra Serpentiform in Cina su WeChat. Firma ...
Nel 2019 Bulgari lanciò la mostra SerpentiForm in Cina su tramite i Mini Program di WeChat.

 

Badin ha altresì riconosciuto l’importanza dell’e-commerce. Sin dallo scoppio della pandemia, molti brand hanno deciso di dirottare le vendite attraverso canali online. “I canali di vendita offline sono ancora molto importanti per i marchi di lusso, in particolare i brand di gioielleria di fascia alta, ma indubbiamente sarebbe folle non considerare l’importanza che il digitale ed il mondo online hanno nel mercato cinese”.  Bulgari, ad esempio, attraverso la sua piattaforma è riuscita ugualmente a regalare al consumatore cinese un’esperienza di acquisto unica anche attraverso i canali digitali.

 

>>> LEGGI ANCHE: COME IL LIVE COMMERCE HA SALVATO LE AZIENDE: IL CASE STUDY DI 林清轩

 

Prada raddoppia le vendite, Hermes guadagna oltre 2 milioni di euro in 24h

In una recente intervista rilasciata a La Repubblica Patrizio Bertelli, patron del gruppo Prada, si è dichiarato entusiasta e fiducioso dei numeri che il brand sta ottenendo in Asia. Come detto da Bertelli “abbiamo riaperto in Cina e Corea e le vendite hanno registrato una crescita a doppia cifra ad aprile”. Prada non è tuttavia l’unico marchio a macinare numeri. Nel suo flagship store a Guangzhou, Hermès ha venduto prodotti per un valore di 2,4 milioni di euro in un giorno.  

 

>>> LEGGI ANCHE: “618 SHOPPING FESTIVAL”, GUADAGNI RECORD DOPO SOLE 24 ORE

 

Una ripresa supportata dal mondo dell’e-commerce

Sicuramente la stretta collaborazione tra i brandi di fascia alta e le diverse piattaforme e-commerce ha reso possibile questa ripresa. Secondo il colosso cinese dell’e-commerce JD, dall’inizio di gennaio, circa 20 marchi di lusso hanno aperto negozi sulla sua piattaforma. Tra questi alcuni big name della moda internazionale come la casa di pelletteria Delvaux, il marchio di gioielli Goossens la britannica Smythson.

 

Anche il mondo del lusso ha deciso di abbracciare i trend digitali cinesi come la Social Commerce

 

Tante le iniziative delle piattaforme. Secoo, come abbiamo visto, ha abbracciato il mondo del Live Commerce, JD ha appena varato un innovativo programma di spinta delle vendite che prevede un largo uso di Livesteaming e Social Commerce, mentre Alibaba ha inaugurato a metà aprile il primo Luxury Outlet online cinese.

Laurel Gu, Category Director di Mintel China, ha dichiarato che la domanda di prodotti e servizi di lusso è stata sì frenata dall’epidemia di COVID-19, ma solo a breve termine. 

 

 

Visita il nostro sito e seguici sui social per rimanere sempre aggiornato. 
Contattaci per scoprire la STRATEGIA di DIGITAL MARKETING
più adatta al tuo business: info@oborgroup.net

Lascia un commento